Single Blog

Ancora autenticità… E quando si tratta delle nostre emozioni?

 

È sera mi sento stanca e svuotata per le notti insonni e le giornate fatte di corse e mille pensieri e scoppio a piangere a tavola…

“Mamma perché piangi?“

 

“Sono stanca… In certi momenti mi sembra di non farcela…”

Ma poi ce la faccio… Dopo le lacrime torna il sorriso e ritorno in pista alleggerita un po’ dallo sfogo… 

 

Siamo per strada, il Terzogenito sul monopattino, io dietro con Eccolaquarta sul passeggino. Ci avviciniamo a un passaggio pedonale e Simone si avvicina alle strisce in velocità.

Col cuore in gola: ” Ferma Simone!”

“Mamma. Ma hai paura che non mi fermi?”

“Certo! Io ho tanta paura che ti succeda qualcosa. Sei il mio bambino e ti voglio bene. So che ti fermeresti, mi fido di te, ma ogni tanto la paura è più forte… ” 

 

Una telefonata. Mio papà è stato ricoverato, sta di nuovo male e forse questa volta non ce la farà. 

“Bambini sono triste e preoccupata. Per favore cercate di aiutarmi questa mattina.”

L’aiuto non arriva, e io provata devo cercare di non esplodere… 

 

E voi cosa ne pensate di questa faccia dell’autenticità? Quella che ci dice di non nascondere le nostre emozioni? 

Le emozioni, si, la rabbia, la gioia, la tristezza, la paura… 

È giusto esprimerle e tirarle fuori. Non dobbiamo pensare che sia meglio escludere i nostri bambini da quello che proviamo, anche se si tratta di un sentimento “negativo”. 

Perché mostrarsi imperturbabili e sempre felici? Perché nascondere tristezza, paura, preoccupazione mostrandosi diversi da come siamo in realtà? 

Facendo così non proteggiamo i nostri piccoli, li rendiamo solo insicuri nei confronti di quello che sentono e impreparati ad affrontare le tempeste interiori che certamente vivranno. 

 

Bene. Questo è chiaro. Ma così sembra che i genitori possano essere giustificati a scaricare sui loro figli tutte le loro ondate emotive…. Dagli eccessi di rabbia, ai momenti di depressione alle ansie più disparate… 

Non è così. L’obiettivo educativo dev’essere un altro. É importante insegnare ai nostri bambini ad accettare le emozioni, ma è ancora più importante insegnare loro a gestirle. 

Noi che siamo i loro punti di riferimento abbiamo il dovere di rassicurarli del fatto che, anche se come loro ci spaventiamo, ci arrabbiamo, siamo tristi e preoccupati, facciamo il possibile per reagire e per tenere sotto controllo il nostro mondo interiore. Quando non ci riusciamo mostriamoci dispiaciuti e coinvolgiamoli nella ricerca di strategie che possano aiutare noi e loro. 

 

Spieghiamo ai nostri bambini che le emozioni danno colore alle nostre e alle loro giornate e che i sentimenti che ci e li mettono alla prova hanno un ruolo fondamentale nel renderci e renderli persone più forti e serene. 

Capito? Emozioniamoci!… 

Emozioniamoli!… 

Con autenticità ma con consapevolezza. 

 

Vai alla Teoria del Ciclo della Serenità Familiare

 

 

Comments (0)

Post a Comment

Vera Lelli

Consulente pedagogica

Credits: